Maiale da tartufo

0
66
Il maiale da tartufo

Il maiale da tartufo è una figura semi-mitologica, fissata nell’immaginario di tutti coloro che abbiano mai affrontato il tema tartufi e che continua a solleticare la curiosità di moltissimi.

È vero che i maiali vengono utilizzati per la ricerca del tartufo? Quali sono i vantaggi che derivano dall’impiego del maiale invece del cane? Si può ancora fare o è illegale?

Nella guida di oggi proveremo a rispondere a queste e alle altre domande che si porranno in fase di analisi della questione. Se volete sapere tutto sul maiale da tartufi, siete nel posto giusto.

Si possono usare i maiali per cercare il tartufo?

No. Almeno in Italia. È dal 1985 che la legge consente, a scopo di aiuto, solo la presenza del cane. La legge del 1985 (che potete scaricare in fondo alla guida) andava a sostituire una legge precedente che indicava invece, come animali da tartufo, sia il cane che il maiale.

La ricerca con il maiale è consentita nelle tartufaie private, anche se sono, per motivi che andremo ad analizzare più avanti, sempre meno utilizzati.

Al maiale per la ricerca del tartufo oggi, in praticamente tutte le circostanze, viene preferito il cane.

Perché si usa(va) il maiale per la ricerca del tartufo?

Il maiale si usa(va) per la ricerca del tartufo in quanto:

  • ha un olfatto molto sviluppato e in pochi minuti può trovare tartufi anche a grande profondità;
  • è un animale che nutre un’autentica passione per il tartufo ed è spinto alla ricerca dalla voglia che ha di mangiarne;
  • ha un periodo di addestramento relativamente più breve;
  • ha un olfatto più raffinato di quello del cane: il scondo punterà sempre il tartufo che gli avete insegnato a cercare; il maiale invece, essendo ghiotto, tenderà a puntare per primo il tartufo più maturo e dall’odore più forte;

Maiale da TartufoSono vantaggi importanti, che lo ponevano, almeno fino allo sviluppo dell’addestramento dei cani in senso scientifico, in cima alla piramide degli animali cercatori di tartufo.

In Italia è intervenuta la legge, in Francia invece ci hanno pensato le problematiche connesse al maiale a farlo passare in secondo piano.

Gli svantaggi della ricerca del tartufo con maiale

Il maiale viene utilizzato sempre meno anche in Francia, dove è ancora possibile aggirarsi per campi e boschi a caccia di tartufi con questa inelegante bestia, in quanto crea dei problemi importanti in fase di raccolta:

  • bisogna organizzarsi per il trasporto: il maiale è un animale ingombrante e che ha anche qualche difficoltà di deambulazione; diventa necessario muoversi con il furgone;
  • il maiale mangia il tartufo: non appena ne percepisce la presenza comincia a scavare rapidamente fino a poter addentarlo; toglierglielo dalla bocca non è facile;
  • il maiale distrugge i terreni dove passa: scava buche enormi, distrugge radici, può anche far cadere piante giovani; è uno dei motivi per cui la caccia al tartufo con ausilio del maiale è stata proibita in Italia;
  • il maiale si stanca subito: trovato il primo tartufo, scavato il secondo… sarà il momento di farlo tornare sul furgone a riposare. Non potete pensare di passare pomeriggi a caccia di tartufi con una scrofa da quasi due quintali.

Ormoni, tartufi e maiali

Circola una storia esattamente speculare sulle guide italiane e sulle guide francesi:

  • secondo gli italiani si dovrebbe portare a caccia di tartufi una scrofa, in quanto l’odore dei tartufi (come se fossero poi tutti uguali!) ricorderebbe quello degli ormoni del verro, ovvero del maiale maschio;
  • secondo i francesi invece sarebbe l’esatto contrario: si va a caccia di tartufi tipicamente con dei verri, perché l’odore del nero Périgord ricorderebbe quello della femmina del maiale;

Sulla questione ormonale dovremmo forse stendere un velo pietoso e attendere che la scienza sia in grado di pronunciarsi sulla questione.

Con gli elementi di cui siamo in possesso al momento, saremmo più pronti a scommettere che la foga con il quale il maiale si mette alla ricerca del tartufo sia dovuta alla sua proverbiale ingordigia.

Meglio il cane o il maiale per andare a tartufi?

La scelta è in realtà inesistente per noi italiani, dato che come abbiamo detto prima, è proibita la ricerca dei tartufi con il maiale su tutto il territorio nazionale, fatta eccezione per le tartufaie private e chiuse al pubblico.

Cane con tartufo

Il cane è comunque preferibile perché coinvolto in un processo che non solo tutela l’animale, ma anche il tartufo e l’ambiente circostante. Checché ne dicano i francesi, affidarsi a cani addestrati all’uopo è, almeno nel momento in cui vi scriviamo, la soluzione preferibile.

 

PER SAPERNE DI PIU’: Legge 16 Dicembre 1985, n. 752